Come difendere la tua pelle dall’inquinamento: anti pollution make-up e skincare

L'inquinamento atmosferico è ormai un'emergenza che ha effetti negativi anche sulla salute della pelle: ecco come proteggerla.

 

Di solito si sente parlare di difesa della pelle soltanto in relazione ai raggi UV: sono ormai molti infatti i prodotti cosmetici che contengono filtri solari per prevenire l’invecchiamento provocato dal sole.

 

Secondo alcuni studi, al secondo posto dopo le radiazioni solari, il fattore che è potenzialmente più nocivo per la pelle è l’inquinamento: spesso le microparticelle tossiche che entrano a contatto con l’epidermide possono infatti creare fastidi o problemi.

 

Le sostanze inquinanti che si trovano nell’atmosfera sono varie: da alcuni componenti che si disperdono nell’aria come ozono o biossido di azoto a residui industriali come idrocarburi e nanoparticelle. L'effetto che questi inquinanti possono avere sulla pelle dipende ovviamente dall'esposizione ambientale quotidiana, che varia da luogo a luogo e da individuo a individuo.

 

Esistono infatti microparticelle chiamate PM2.5 che sono incredibilmente piccole e che possono penetrare facilmente nei pori della tua epidermide causando effetti collaterali non piacevoli: fra questi quello sicuramente più importante è lo stress ossidativo, provocato dall’aumento dei radicali liberi, che è causa anche di invecchiamento precoce, perdita di elasticità della pelle o anche altri problemi dermatologici più seri.

 

Purtroppo questi inquinanti sono ovunque: secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità circa il 92% della popolazione vive in luoghi in cui l'inquinamento atmosferico supera i limiti di sicurezza. Ciò significa che nel nostro pianeta almeno nove persone su 10 respirano aria inquinata, anche all’aperto.

 inquinamento

 

Questa è diventata dunque una vera emergenza ambientale in molte città del mondo e diversi studi hanno analizzato l’effetto che potrebbe avere sulla pelle con risultati allarmanti.

 

Ricerca sull'inquinamento cutaneo in Cina

 

Nel 2008 è stato condotto uno studio in Cina che ha coinvolto 159 persone residenti nei vari distretti di Shanghai, metà di queste nei quartieri del centro, quindi più inquinati, l’altra metà in una regione agricola, quindi meno esposta a sostanze tossiche. Lo studio ha rilevato differenze significative in diversi parametri biochimici rispetto alle due aree, dimostrando che esiste sicuramente un legame fra inquinamento e problemi della pelle.

 

Ricerca sull'inquinamento cutaneo in Messico

 

Uno studio clinico analogo che è stato condotto in Messico ha tratto le medesime conclusioni. Su 96 persone residenti a Città del Messico (città molto inquinata) e 93 persone a Cuernavaca (zona meno inquinata). Sono stati studiati sia i parametri biochimici che clinici della pelle.
I partecipanti residenti a Città del Messico hanno mostrato un aumento del tasso di escrezione di sebo, un livello inferiore di vitamina E e squalene (antiossidanti) nel sebo, un aumento dell’acido lattico e un indice eritematoso più elevato (arrossamento) sul viso.

 
Il problema dell’inquinamento atmosferico è percepito come grave in molte grandi città del mondo e diversi sono i rimedi che vengono ricercati per potersi difendere e limitare i danni. Per questo motivo da qualche tempo stanno diventando sempre più popolari i cosmetici antipollution.

 

Che cosa si intende per anti pollution skincare?

 

Con il termine anti pollution skincare (che letteralmente significa cura della pelle anti inquinamento) si intendono tutti i rimedi che prevengono o correggono i danni alla pelle causati dallo smog: invecchiamento precoce, pelle spenta, aumento di sebo, irritazioni, ....
Per correre ai ripari, diverse aziende hanno formulato linee di prodotti cosmetici che purificano la pelle e fanno proprio da scudo allo smog, difendendola dalle aggressioni esterne.

 

 cosmesi antipollution

 
Come si protegge la pelle dall’inquinamento?

 

Sono molti i provvedimenti che puoi prendere per difenderti e curare la tua pelle.

 

1. Detergi bene la pelle ogni sera (se puoi anche la mattina): la detersione è fondamentale non solo per togliere il make-up, ma anche per pulire a fondo e purificare il viso con prodotti specifici rimuovendo le tossine e microparticelle dannose.

 
In questa fase potrebbe aiutarti lo struccante bifasico puroBio, che pur essendo molto delicato, deterge a fondo liberando il viso e i pori dalle impurità accumulate durante il giorno. Allo stesso tempo grazie alla presenza di vitamina E, è rigenerante e antiossidante.

  

Insieme allo struccante purobio, per un'azione più energica anti-inquinamento può essere molto efficace la maschera purificante Wondermask de La Saponaria, che ha proprietà lenitive ma anche detox e anti pollution, grazie agli estratti di moringa, aloe, bardana, acido azelaico e rosmarino.

 
2. Scegli trattamenti viso bio e naturali con antiossidanti, che vadano a contrastare i radicali liberi provocati dagli agenti inquinanti.
Ottima in questo caso è la crema viso Melagrana de La Saponaria ricca di oli vegetali nutrienti (karitè, baobab, argan, jojoba e oliva) e di agenti antiossidanti e anti-age (Vitamina E, Acido Ialuronico ed Estratto di Riso), per idratare e rigenerare la pelle.

 

3. La mattina, proteggi la tua pelle scegliendo trattamenti cosmetici make-up anti pollution, formulati quindi proprio per fare da barriera allo smog.
Come il siero bioattivo anti pollution La Saponaria, che protegge la pelle dal grigiore e dall’inquinamento grazie a un complesso di principi attivi naturali che purifica la pelle da tossine ed agenti inquinanti, ne protegge la naturale bellezza difendendola da stress, smog e invecchiamento.

 
Per quanto riguarda il trucco invece puoi usare il Drop Foundantion Anti pollution di puroBio, un fondotinta leggerissimo dall’alto potere antiossidante che grazie ai suoi componenti di altissima qualità, protegge la pelle dagli agenti inquinanti.

  

makeup antipollution

 

Che cosa è necessario evitare se desideri proteggere la tua pelle dall’inquinamento?

 

Il rimedio migliore sarebbe ovviamente quello di vivere in un ambiente sano e pulito e privo di smog ma come abbiamo visto in precedenza i dati OMS ci dicono che sono davvero pochi al mondo quelli che hanno questa fortuna.
Nel frattempo però puoi prenderti cura della tua pelle controllando bene la qualità dei cosmetici che usi quotidianamente. Molte creme e trattamenti viso contengono infatti ingredienti nocivi come profumi chimici, parabeni, conservanti, che già da soli possono essere assorbiti e creare problemi, addirittura squilibri ormonali. Meglio dunque scegliere prodotti cosmetici il più possibile naturali e bio, che rispettino la tua pelle e l’ambiente.

 
Il fatto che, nella nostra civiltà cosiddetta evoluta, si sia arrivati addirittura a dover proteggere la pelle prima di uscire di casa a causa di smog e inquinamento, fa certamente riflettere sul presente e sul futuro del mondo in cui viviamo. Soluzioni a breve termine non ne abbiamo, è chiaro però che in questo modo non possiamo continuare e che non possiamo lasciare ai nostri figli un mondo sporco, tossico che mette a rischio la loro salute semplicemente respirando.

 

Quindi oltre a cercare di proteggersi e purificarsi, è necessario che ognuno di noi faccia qualcosa nel proprio quotidiano per cambiare: usare meno l’auto, sceglierne modelli poco inquinanti, privilegiare i trasporti pubblici, acquistare prodotti biologici premiando così  magari anche aziende etiche che hanno scelto di produrre rispettando i diritti dei lavoratori, pretendere da chi ci rappresenta nelle istituzioni, politiche ambientali di grande impatto. Se tutti facciamo qualcosa, possiamo ancora recuperare.

 

 QUI LA NOSTRA COSMESI BIO E ANTI POLLUTION

 

Per approfondire:

 

Lefebvre, M.A. et al. 2015. Consequences of urban pollution upon skin status. A controlled study in Shanghai area. Int. J. Cosm. Sci. 2015 Aug 20. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26291783


Lefebvre, M.A. et al. 2015. Evaluation of the impact of urban pollution on the quality of skin: a multicentre study in Mexico.
Int. J. Cosm. Sci.2015 Jun;37(3):329-38. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25655908


Polluted air affects 92% of global population, says WHO https://www.bbc.com/news/health-37483616

 

 

Ultimi articoli del nostro blog