Tinte per capelli: naturali o chimiche? Guida alla scelta

Tinte chimiche vs tinte vegetali: quali sono le differenze? Quali i vantaggi?

 

I capelli costituiscono una parte importante del nostro corpo, che ci permettono di comunicare, tramite il taglio e il colore, molto della nostra personalità. Le donne in particolare si prendono molta cura della loro chioma, fondamentale elemento con il quale esprimono la propria femminilità.

 

Fra i cosmetici più venduti  infatti, ci sono proprio le tinture per capelli che in Europa sono utilizzate da ben il 60% delle donne: ma quali caratteristiche hanno quelle più utilizzate, in particolare le tinte fai-da-te, acquistabili nei supermercati?

 

La rivista francese 60 Millions de Consommateurs alla fine del 2018 si è posta questa domanda e ha effettuato test su sedici campioni di famose tinture per capelli sei delle quali di origine vegetale.

 

I risultati di queste analisi, hanno, come si poteva prevedere, consegnato dei risultati conformi alla legge, ma sicuramente preoccupanti per la salute di chi le utilizza. Sono infatti state rilevate sostanze chimiche la cui salubrità è purtroppo molto dubbia e che possono agire da interferenti endocrini o allergeni.

 

Le sostanze trovate

 

Parafenilendiammina (PPD) : considerato un allergene fortemente irritante che può causare reazioni anche gravi, utilizzata anche nei toner delle fotocopiatrici o nell'industria della plastica. Le reazioni a questo agente, non sono immediate, ma possono avvenire anche dopo diversi giorni. Il suo utilizzo è stato considerato nel 2012 come "una notevole preoccupazione per la sicurezza dei consumatori" dal Comitato scientifico per la sicurezza dei consumatori.

 

Lo studio francese di 60 Millions de Consommateurs è stato proprio ispirato dal post virale di una studentessa che ha avuto una forte reazione allergica a una tinta per capelli contenente parafenilediammina, provocando un forte gonfiore del volto che era diventato quasi a forma di lampadina.

 

Resorcinolo e p-amminofenolo: coloranti che sono sospettati di essere interferenti endocrini, ovvero molecole che possono causare disequilibri ormonali e forti disordini del metabolismo.

 

L'Agenzia dell'Unione Europea per la Registrazione delle Sostanze Chimiche (ECHA) ha classificato il p-amminofenolo come molecola "sospetta di provocare alterazioni genetiche". 

 

Formaldeide: sostanza fortemente tossica ormai vietata nei cosmetici, non compare in etichetta, ma è stata rilevata, anche se in basse concentrazioni, in ben 12 dei prodotti testati, poiché si è formata per la reazione chimica degli alcuni ingredienti presenti nella composizione dei prodotti.

 

Da questo test francese, solo le 6 tinte vegetali sono state promosse, tutte le altre, che comprendono marchi molto famosi e diffusi in tutte le grandi catene, sono risultati non soddisfacenti.

 

 tintura per capelli

 

Siamo circondati da inquinamento e contaminazioni che spesso non possiamo controllare, quindi per il bene della nostra salute e del nostro pianeta, dobbiamo cercare di limitare l'utilizzo di queste sostanze tossiche, ma come possiamo fare?

 

Ci sono alternative più sane ed ecologiche alle tinte sintetiche?

 

Come ha confermato il test di 60 Millions de Consommateurs, possiamo sicuramente concentrarci sulle tinte per capelli vegetali o erbe tintorie che si sono rivelate efficaci ecologiche e più salutari.

 

Tinte per capelli vegetali: quali vantaggi?

 

Le tinte naturali vegetali sono prodotte dalla polverizzazione di piante (foglie o radici)  contenenti particolari pigmenti in grado di tingere o creare riflessi sui nostri capelli.

Ecco quali sono le principali differenze con le tinture chimiche.

  

1. Ecologiche

 

Essendo composte da estratti di piante e prive di sostanze chimiche tossiche, le tinture naturali sono completamente biodegradabili e non danneggiano l'ecosistema marino.

 

2. Salutari

 

Le tinture sintetiche come abbiamo visto possono contenere sostanze controverse che interferiscono e disturbano il nostro equilibrio ormonale, danneggiando a volte anche i nostri capelli, che con il tempo diventano più secchi, sciupati e sfibrati.

 

Le tinte vegetali hanno invece l'effetto contrario: rendono i capelli più forti, voluminosi e morbidi. Perchè? 

 

Mentre le tinture chimiche affinché il colore venga fissato, penetrano nel capello sollevandone la cuticola e arrivando fino al bulbo, le tinte naturali si fissano solo esternamente ad esso, avvolgendo la cuticola e legandosi alla cheratina. In questo modo riempiono le squame, rendendo quindi la nostra chioma più forte e luminosa, riducendo le doppie punte.

 

 capelli biondi

  

3. Colori più naturali

 

I pigmenti naturali non danno risultati uguali per tutti: il colore finale sarà dato dal colore di partenza del capello e dalla sua porosità, quindi dalla sua capacità di assorbire il colore, che è diversa per ognuno di noi. Pertanto, si ottengono colorazioni uniche che esaltano la nostra originalità e individualità. Questo aspetto richiede ovviamente un po' di praticità e di pazienza le prime volte che si utilizzano.

Insomma i vantaggi delle tinte naturali sono molti, in quanto coniugano il rispetto per l'ambiente con la salute del nostro corpo e dei nostri capelli.

 

Come capire se una tinta vegetale è davvero naturale e non contiene sostanze dannose?

 

La prima cosa da fare è controllare l'INCI (lista degli ingredienti). Le tinte naturali non devono assolutamente contenere formaldede, ammoniaca, picramato di sodio, acqua ossigenata o altri additivi chimici come quelli che abbiamo elencato sopra. 

 

Esistono già diversi marchi italiani ed etici di cosmetica naturale che producono tinte naturali per capelli affidabili e sicure: una validissima alternativa a quelle chimiche. 

  

 

QUI TROVI LE NOSTRE TINTE NATURALI

 

FONTI: 

https://www.60millions-mag.com/2019/01/15/test-de-teintures-pour-cheveux-12403

http://madame.lefigaro.fr/beaute/60-millions-de-consommateurs-alerte-sur-la-toxicite-des-teintures-cheveux-271218-162803

http://sante.lefigaro.fr/article/coloration-pour-cheveux-une-jeune-femme-met-en-garde-contre-le-risque-d-allergie/

https://ilsalvagente.it/2019/01/23/cinquanta-sfumature-di-pericolo/47622/

https://www.francetvinfo.fr/sante/le-magazine-60-millions-de-consommateurs-alerte-sur-la-toxicite-de-certaines-teintures-capillaires_3118949.html

 

 

Ultimi articoli del nostro blog